Editoriale: Quale fa più schifo: Superman Returns o L’Uomo D’Acciaio?

Immagine

a cura di Etto Basciano

Benvenuti a questa nuova rubrica che nessuno si inculerà di striscio spero molti di voi apprezzerete! Inauguriamo oggi gli Editoriali, oppure:

Immagine

Scopo di questi Editoriali: parlare male di cose realizzate da gente di sicuro più qualificata di me.

come se non l’avessi già fatto da quando ho aperto questo dannato blog….

Comunque, oggi parleremo di ben DUE film dedicati all’iconico Superman: Superman Returns e L’Uomo D’Acciaio.

E FANNO ENTRAMBI SCHIFO!

Entrambi hanno cercato di rilanciare il personaggio dopo decine anni di “fermo” sul grande schermo ed entrambi hanno fallito (anche se il secondo è stato un successo al botteghino, colpa del trailer ingannevole) ma se dovessimo esaminarli, qual’è il peggiore tra i due?

Cerchiamo di scoprirlo!

SUPERMAN VS SUPERMAN

Immagine

Sappiamo tutti che Christopher Reeve è stato (e sempre sarà) il Superman cinematografico definitivo.

Questi due film(acci) però ci hanno proposto due nuove incarnazioni del personaggio, interpretate da Brandon Routh (Suppaman Returns) e Henry Cavill (Meh of Steel) nel rispettivo ruolo della capra d’acciaio e dell’uomo tutto d’acciaio.

Esaminiamo i due attori:

Immagine

Brandon Routh in pausa durante le riprese di Suppaman Returns

Il Superman di Routh è una copia sbiadita del Superman di Reeve, questo lo sappiamo, Singer lo ha scelto apposta (tanto ne parliamo più sotto) perché VAGAMENTE somigliante al compianto iconico attore. Peccato per lui che sia sbiadita anche la sua faccia. E la sua recitazione. E la sua credibilità.

Nonostante il personaggio di Routh non sia scritto malissimo (sempre sotto ne parliamo) vedere la faccia inespressiva di Routh per tutto il tempo è noioso. E per quanto si già noioso Superman Returns è un male.

Non basta mettersi le mutande sopra i pantaloni per essere Superman, e Routh ce l’ha dimostrato.

E ora passiamo a Cavill:

Immagine

Henry Cavill durante la pausa pranzo

Henry Cavill era in lista per il personaggio di Superman da decenni finché non è arrivato l’Uomo d’Alluminio e finalmente è riuscito ad entrarci dentro. Bussando. Dal muro.

Ha il fisico, ha la faccia, ed è pure bravo a recitare. Ecco il Superman della nuova generazione. E ha anche la faccia cattiva.

Peccato che il personaggio sia scritto così di merda che tutto il lavoro di Cavill è quasi inutile (don’t worry Henry, io credo in te, continua così) ma è stato un buon Superman. E senza mettersi le mutande sopra i pantaloni.

Punto eterna vergogna a: Brandon Routh. Il peggiore Superman di sempre. Se non uno dei peggiori attori di sempre. Nel giro di pochi anni è stato dimenticato quindi posso smettere di inveire su di lui per quel piccolo inconveniente su Dylan Goat (smettere=mai. La pagherà).

Immagine

SINGER VS SNYDER

Immagine

Adesso passiamo a rassegna i due registi dei suddetti film: Bryan Singer e Zack Snyder.

Singer da una decina di anni a questa parte ha iniziato ad occuparsi di film d’azione (per esempio i primi due bellissimi X-Men). Solo che lui con i film d’azione non è portato benissimo (e questo lo dico in termini di REGIA) dato che esce con film un po’ più “calmi” come I Soliti Sospetti.

Però bisogna dire che, quando gli esce qualcosa di buono, gli esce benissimo.

E quindi, seppur non è il suo massimo, Superman Returns è girato bene. Prima su tutte, la scena della pallottola nell’occhio.

E solo per questa scena, si dice tutto.

Passando a Snyder….

semplicemente, non sa dirigere.

Essendo un “””esperto””” di film d’azione, bisogna dire che le scene d’azione sono fatte bene. Alcune, devo ammettere, davvero spettacolari.

Il problema è il resto.

L’Uomo d’Acciaio ci è stato presentato come un film introspettivo fuso ad un film d’azione. E su questo ci hanno mentito. Perché l’Uomo d’Acciaio è solo un film d’azione mediocre che pretende di essere un film introspettivo.

Così come Zack Snyder pretende di essere un regista. E si cura solo delle scene spettacolari dimenticandosi il resto.

Punto eterna vergogna a: Zack Snyder che è diventato uno dei registi più noti di Hollywood senza aver mai girato, effettivamente, un vero film. Meglio se torna in seconda unità, risparmierà altre figuracce.

Immagine

SUPERMAN RETURNS VS MAN OF STEEL

Immagine

Ma alla fine, qual’è in sostanza il film peggiore?

Superman Returns nacque dall’amore di Bryan Singer verso i precedenti due film di Superman interpretati da Reeve, e voleva essere un omaggio sincero a quelle pellicole, volendo realizzare un film più serio ed adulto del solito.

E questo è un bene.

Ma il risultato?

Noioso.

Superman Returns è noioso. Ben girato (nei limiti), con dei personaggi secondari ben caratterizzati, un cattivo fantastico (Kevin Spacey è all’altezza del primo Lex Luthor interpretato da Gene Hackman) ma tutto sommato noioso. Troppe scene ricopiate dal primo Superman, una trama banale e l’azione ristretta e scialba lo rendono un filmetto dimenticabile, quando poteva essere all’altezza del precedente X-Men 2 di Singer, che è indimenticabile.

Invece, L’Uomo D’acciaio….

Pretendeva di essere un film introspettivo e profondo come i Batman di Nolan (infatti lo hanno messo a forza nella produzione del film e hanno tentato in tutti i modi di copiare il suo stile quasi a dire “è la stessa cosa”) ma alla fine era un banale film d’azione.

Si sono preoccupati di sviluppare (male tra l’altro) il personaggio principale dimenticandosi tutti gli altri (almeno Lois Lane in Superman Returns era utile a qualcosa) per poi mettere da parte tutto e concentrarsi sull’azione.

Ci sono ottimi attori, questo si, ma limitati da una terribile sceneggiatura.

E, cosa più importante, non è un film su Superman.

Perché tutto il film, non è altro che una pretesa. La pretesa di essere un film su Superman.

Superman Returns invece, un film su Superman lo era. Un brutto film su Superman, ma sempre meglio di niente.

VINCITORE ETERNA VERGOGNA: L’Uomo D’acciaio. Ottimi interpreti, ottimi effetti speciali. E questo banalissimo film si ferma qui. Niente anima, niente amore. Niente di niente. Solo un film vuoto.

Immagine

E questa prima puntata di  #IoCheParloMaleDiQualcosa termina qui!

Spero vi sia piaciuta (spero almeno l’abbiate letta in realtà) e se avete delle vostre opinioni a riguardo commentate pure!

Enjoy!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...